lunedì 25 maggio 2015

Viviane recensione

VIVIANE Ronit Elkabetz, Shlomi Elkabetz.

DRAMA 2014 ISRAELE FRA


★★★★ -Nazcro-

Lotta tra modernità e tradizione


Il film si sviluppa attraverso una causa di divorzio in Israele. Tutto si svolge all'interno di un aula giudiziaria dove la telecamera indugia sui dettagl e sui personaggi quali, avvocati difensori, la coppia in questione, i giudici rabbinici e i testimoni, tutti ottimi attori quasi in una performance teatrale. Secondo le leggi religiose in vigore il divorzio può essere concesso solo se il marito è d'accordo, quindi il film è un chiaro J’Accuse alle condizioni della donna e a certe leggi antiquate che regolano la materia specifica del diritto di famiglia. Il film è lungo ma come già detto, l'impostazione di tipo teatrale sia della sceneggiatura che attoriale, non pesa assolutamemente a chi lo guarda. All'interno della pellicola, tramite anche personaggi secondari, vengono descritte le tensioni e lotte di genere e attraverso un eroina forte e fragile allo stesso tempo veniamo inseriti in un clima di tensione che traporta assolutamente. Consigliato, soprattutto a chi tiene alle storie imperniate sui diritti e sul il contrasto laicismo religione.

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

condividi