mercoledì 29 luglio 2015

Kumiko the Treasure Hunter recensione ita

Kumiko the Treasure Hunter 

by David Zellner

DRAMA 2014 USA

★★★ scritto da Nazcro

Una lenta odissea






Kumiko ( Rinko Kikuchi, candidata all'oscar per Babel), è una ragazza giapponese frustrata che scappa dal suo grigio posto di lavoro inziando una lunga odissea. Il regista indaga su come i problemi della realtà possano influire su una persona fino a rendere l'irreale concreto e addirittura raggiungibile. La pellicola potrebbe rivelarsi troppo eccentrica e peculiare per essere approvata da un un pubblico mainstream, però è proprio la bizzarria della trama che rende il tutto più coinvolgente. Come sottofondo oltre l'ossessione di una donna, è visibile la volontà di rappresentazione di una società giapponese nichilista sottolineata da inserti black humor soprattutto nella prima parte. Fotografia curatissima nella composizione dell'immagine, nella rappresentazione dell'ambiente e nell'uso dei colori molto morbidi e di significato. Numerosi riferimenti al film Fargo, il quale in questo film è uno dei protagonisti. Originale e surreale, ritmo lento ma comunque merita almeno una visione attenta, soprattutto da parte dei cinefili.




Guardalo se:

sei propenso a vedere film surreali ed eccentrici;

hai visto Fargo,anche se questo film è molto diverso;

ti piacciano i drammi surreali.




Non guardarlo se:

odi i film lenti;

non ti piacciono i film impegnativi.


 Kumiko, the Treasure Hunter
(2014) on IMDb

2 commenti:

  1. Con la frase "numerosi riferimenti a Fargo", mi hai assolutamente convinto: lo devo vedere! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io sono molto abbottonato sulla trama, ma se ti è piaciuto Fargo questo devi vederlo almeno per curiosità

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

condividi