giovedì 24 settembre 2015

Non essere cattivo recensione

Non essere cattivo recensione

Non essere cattivo

Generedrammatico Italia 2015
RegiaClaudio Caligari
SoggettoClaudio Caligari
SceneggiaturaClaudio CaligariFrancesca SerafiniGiordano Meacci
★★★★

Caligari, ha lavorato poco, documentari sul mondo dell’eroina,  dopo il cult Amore Tossico silenzio per diciassette anni poi L’odore della notte, ed infine questo film che a fine visione istilla “una ed una sola” domanda allo spettatore, perché la filmografia di questo artista è così esigua, perché risulta così scomodo al mondo del cinema italiano uno che racconta in maniera realistica quasi documentaristica  i fatti ( in ambo i sensi...)? Comunque il film è un opera postuma e la realizzazione è andata avanti grazie a Valerio Mastrandrea, il quale scrisse anche una lettera aperta a M. Scorsese,  eh si Scorsese, perché il regista dichiarò più volte di ispirarsi a lui ed infatti tutto questo è riscontrabile in questo film.


Presentato a Venezia fuori concorso, scatenando anche polemiche ( poiché doveva essere presentato in concorso ), il film ha una trama abbastanza semplice, ci inserisce in una zona di periferia ( Ostia anni 90 ) quasi abbandonata dal mondo borghese e benestante medio italiano, e ci racconta storie di microcriminalità fine a se stessa attraverso due personaggi, i quali sono punto focale e base descrittiva della situazione di degrado imperversante in quei luoghi e a quei tempi.


La prima cosa che balza all’occhio mentre si guarda il film è la sincerità nel modo di narrare, come se Caligari avesse visto e sperimentato questa tipologia di situazioni e problemi che hanno i nostri protagonisti. La messa in scena non ha sbavature, autocitazioni e piccole citazioni a Trainspotting senza esagerare, gli anni novanta sono ben rappresentati senza ridondanze eccessive, lo stile di regia varia si muove con i personaggi asseconda le situazioni, racconta. Gli attori principali, che io non conoscevo ( questo la dice lunga sulle mie conoscenze sul cinema italiano odierno ), offrono una prova eccellente veramente senza sbavature e che emoziona, con sfaccettature perfettamente credibili. Il plot come già detto è classico del genere, forse un piccolo punto debole, ma non inficia la qualità generale del film che durante la visione diverte in alcune scene e emoziona nelle parti drama mai gratuite e ben gestite, un film decisamente consigliato al cinema, non bisogna lasciarsi scappare questa occasione una volta tanto che un film italiano raggiunge questi livelli. - Nazcro-

Consigliato se:sei uno Scorsesiano ( primi film ), hai visto Amore tossico, hai voglia di un film italiano di qualità.

Pro: Attori, messa in scena, gestione del film
Contro: plot classico

Voto:8.5


Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

condividi