venerdì 9 ottobre 2015

Eden Lake recensione

Eden lake recensione

Eden Lake

James Watkins
Produced byChristian Colson
Richard Holmes
Written byJames Watkins
StarringKelly Reilly
Michael Fassbender
Jack O'Connell
Finn Atkins
CountryUnited Kingdom
Cayman Islands
 2008 Thriller Horror

★★★½


 Eden Lake è un aggiornamento horror che va oltre e diventa spietato dando molto più di quello che ci si aspetta lasciando anche lo spettatore un po’ destabilizzato a fine visione.
Steve (Michael Fassbender) e Jenny (Kelly Reilly), una coppietta innamorata, va in escursione fuori Londra per un campeggio su un lago pittoresco, Questo è l’incipit classicissimo che abbiamo visto in tanti film horror americani, ma questo è inglese e si nota la differenza. 

La storia del cittadino metropolitano lindo e pinto che va in campagna e non si trova a suo agio è un sottotesto che non invecchia mai e solleva sempre tensioni ed inquietudini nello spettatore. Stiamo parlando di un Survivor movie dove il regista/scrittore Watkins non ha paura di andare completamente a fondo della questione, allentando i freni e facendoci vedere cose che normalmente non siamo abituati a vedere in un filmetto horror.


Durante la visione del film , che parte in leggerezza per poi lasciare il passo alla tensione, veniamo tranquillamente schiaffeggiati dagli eventi crudi, pregni di violenza sadica, sanguinaria tali da dare un senso di impotenza per tutta la durata del film. Qui i Villain sono incarnati da giovani disadattati tecnologizzati e non da bifolchi, tutti bravissimi i giovani attori inglesi, tra i quali spicca O’Connor che poi vedremo in numerose pellicole come il buono Sturred Up e nell’ottimo 71’ come protagonista assoluto, quindi considerando i tre protagonisti un comparto attoriale veramente di qualità.


Il luogo in cui si svolge il tutto è stato splendidamente fotografato, il contrasto è perfetto così da poter descrivere  il meraviglioso sottobosco inglese, gli effetti speciali sono degni di un horror e la regia è attenta ad i minimi particolari.
Il film va doverosamente visto da chi ama questo genere particolare, spiazza nella sua semplicità nonostante soffra della struttura già sovrautilizzata nel cinema horror, e di alcuni momenti dove la sceneggiatura scivola per rendere il ritmo sempre scorrevole e costruire passaggi obbligati di cui il film ha bisogno.

Pro: il pacchetto attori, la regia molto buona per un horror, ambientazione perfettamente descritta
Contro: sbavature di sceneggiatura per dare più consistenza al tutto, confezione di genere senza uscire dai canoni.
Consigliato a: chi piace il servival horror o l’horror in generale

P.S: un altro film di questo genere che mi è piaciuto molto è Backcountry, dateci un occhiata.

Voto:7++


6 commenti:

  1. L'ho visto anni fa e ricordo i nervi per il finale, che poi mi ha fatto odiare quasi tutto il film :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. finale forzato in quelle condizioni, ma il film secondo me nettamente sopra la media del genere..

      Elimina
    2. Senz'altro, ma mi sono così arrabbiato che non lo rivedrei neanche per sogno.
      Neanche per vedere come se la cavavano Fassbender e la Reilly che, al tempo, erano due signor nessuno. :)

      Elimina
    3. Fassbender quell'anno poi ha fatto il botto. La Railly se la vedi nell'appartamento spagnolo è diversissima qua è bonissima :-)

      Elimina
  2. Finito ora.
    Davvero... erano ANNI che un film non mi metteva una tale ansia. Un j'accuse crudelissimo e che mi ha portato alla mente dei recenti fatti di cronaca.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

condividi