giovedì 21 gennaio 2016

Straight outta compton recensione film

Straight outta Compton film recensione
Straight Outta Compton
    Anteprima nazionale11 agosto 2015
    Durata2h 30m
    Jason Mitchell (Eazy-E)
    Jason Mitchell
    Eazy‑E
    Corey Hawkins (Dr. Dre)
    Corey Hawkins
    Dr. Dre
    Aldis Hodge (MC Ren)
    Aldis Hodge
    MC Ren
    Paul Giamatti (Jerry Heller)
    Paul Giamatti
    Jerry Heller

★★★
L’ascesa di un gruppo musicale come i NWA non era stata mai messa in scena, questo era un progetto che potenzialmente avrebbe avuto in serbo tanto materiale da poter sviluppare oltre che costruire un auto biopic scorrevole e pedissequamente agiografico. Ho utilizzato la parola “auto biopic”, appositamente, considerando che la produzione del film è ad opera degli stessi protagonisti che in esso vengono decantati quindi è lecito aspettarsi una narrazione quasi di stampo epico provvista qui e là di tocchi programmatici vezzeggiativi.
La storia è piuttosto avvincente, bisogna dire che questi ragazzi ne hanno passate tante prima di venir fuori da quel tosto quartierino nella contea di Los Angeles. I vari Ice Cube, Dr. Dre, Eazy-E e via dicendo vengono dalla dura vita di strada e la regia di Gary Gray fa di tutto per farcelo capire, partono dalla melma arrivano alle stelle con tutti i vari screzi legati al dio danaro, un racconto di formazione insomma. Gli attori principali lavorano tutti di slancio e viene utilizzato ancora un volta Paul Giamatti come manager pigliatutto e doppiogiochista.

Il film si spalma su circa dieci anni dal 1986 in poi e cerca di farsi contenitore dei trend e di alcuni aspetti della società statunitense del tempo, tra i quali tensioni razziali e abuso di potere. Se la prima parte è gestita da biopic tradizionale, si racconta la formazione della band, i problemi e l’ascesa dei vari personaggi facendosi carico di aspetti anche esterni legati al mondo che circondava gli artisti collimando in una rivalutazione politica anche del gangsta, la seconda parte più legata ad aspetti melodrammatici edulcorati porta ad un calo di tensione facendoci rendere conto che ci troviamo di fronte ad un autocelebrazione.

Purtroppo la pellicola, a mio parere non riesce a scavare in profondità considerando le tematiche delle quali si era fatto carico incorrendo spesso in situazioni anche contraddittorie tanto che in alcune situazioni somiglia più ad un video hip hop che a un film. Di sicuro il plot mette sul piatto alcuni aspetti interessanti che potrebbero colpire non solo il fan dei NWA ma anche lo spettatore occasionale, come ad esempio l’atteggiamento chiaramente anti establishment, però tutto questo risente comunque della patinatura auto produttiva.

Pro: il racconto di formazione è interessante, regia rende bene l’ambiente, buoni attori
Contro: squilibri di ritmo, situazioni poco cristalline quando si parla di biopic, non si va fondo su tutte le tematiche che potevano essere sfruttate.
Voto:6—

Target: Biopic, amanti hip-hop, 


4 commenti:

  1. Mmm... questo film ha avuto un successo strepitoso, in patria: eppure non mi ispira, c'è qualcosa che non mi convince...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. per questo gli ho dato una possibilità, si vede che li sono tutti gangsta...

      Elimina
  2. Il mio animo da rocker mi tiene lontano da questo film. Forse sbaglio, ma... :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. in molti lo hanno gonfiato secondo me, forse sotto sotto sono dei vecchi fan...

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

condividi