lunedì 20 febbraio 2017

Il libro della giungla recensione film

Il libro della giungla recensione film
Il libro della giungla

Titolo originale: The Jungle Book
Nazione: U.S.A.
Anno: 2016
Genere: Avventura, Drammatico, Animazione, Fantastico
Durata: 105'
Regia: Jon Favreau
Sito ufficiale:  
Social network: facebook

Cast: Neel Sethi, Ritesh Rajan, Sara Arrington, Brandon Henschel
Cast (voci originali): Scarlett Johansson, Idris Elba, Bill MurrayLupita Nyong'oChristopher WalkenBen Kingsley, Giancarlo Esposito, Neel Sethi, Emjay Anthony, Hannah Tointon, Ralph Ineson
Cast (voci italiane): Neri Marcoré, Toni Servillo, Giovanna MezzogiornoViolante Placido, Giancarlo Magalli
Produzione: Moving Picture Company, Walt Disney Pictures
Distribuzione: Walt Disney Studios Motion Pictures Italia
Data di uscita: 14 Aprile 2016 (cinema)


La Disney già da tempo ripesca i classici e direi in maniera anche pasticciata, cambiando completamente l’immaginario e modificando le storie ritrovandosi con clamorosi scivoloni, altre volte si limita a riproporre in live action un super classico senza calcare la mano, tipo l’ultimo “Cenerentola”. 

Questo è il secondo caso ( meno male) in pratica si sfruttano i prodigi della tecnica per rimettere in scena “Il libro della giungla” che grossomodo segue i fondamenti del vecchio cult disneyano reimpostando qualcosa in termini di significato, riadattando il vecchio messaggio ai tempi moderni :l’integrazione totale e non settorializzata dello straniero. Quello che salta subito all’occhio di questo film sorpresa ( le mie aspettative erano basse) ovviamente è la CGI, nominata all’oscar, fondali splendidi, animali parlanti che vorresti accarezzare e atmosfere perfettamente riprodotte, alla fine potrebbe essere considerato un’animazione dato che l’unica componente reale all’interno del film è Mowgli, il bambino protagonista braccato dalla cattivissima tigre Shere Khan. La regia è ispirata, si muove bene, costruisce bene l’action, la cinematografia e la palette rinfrescano l’occhio, la luce ed alcuni soluzioni visive brillano in bellezza. Peccato che l’attore protagonista abbia dovuto lavorare completamente in studio su fondali e pupazzi, infatti in alcuni casi si vede la difficoltà del piccoletto ad interfacciarsi con l’artificiale risultando un po’ scomposto nell’interpretazione. Atmosfere anche un po’ dark e storia solida, anzi solidissima visto che il suddetto è un film per ragazzi, peccato che sia una riproposizione di un immaginario già noto e che si è dovuto per forza citare il cult originale attraverso canzonette fuori luogo e fuori dai toni generali. Una bella sorpresa, se le rispolverate disneyane sono in questi termini ben vengano.
voto 7++

12 commenti:

  1. Eh sì, finalmente l'hanno capito, perché è così che si fa un live action, così come questo bellissimo film, ovvero eccezionale ;)

    RispondiElimina
  2. Invece io l'ho trovato odioso. Adorando i classici faccio fatica a farmi piacere questi stravolgimenti e li trovo anche superflui, evitabilissimi.
    Animali sproporzionati, tutto troppo, ecco. Tutto troppo esagerato.
    Ho molta paura pensando che il prossimo adesso sarà "Il re leone", ovvero il mio preferito di sempre.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. in realtà alla fine si è stravolto poco secondo me, effettivamente sono abbastanza grandi e poco realistici ma alla fine cosa c'è di realistico in tutta la stori? E' una fiaba dove gli animali addirittura parlano, quindi secondo me ci può stare un po' di questo postmodernismo tecnico ... forse mi è abbastanza piaciuto perchè mi aspettavo il peggio tipo il film su Tarzan :-) e invece ...

      Elimina
  3. Sto con la signorina qui sopra, non ho proprio sopportato il bimbo protagonista, quando prende a calci il nido delle api avrei voluto essere un ape a mia volta, per farmi trovare fastidioso un film con le scimmie bisogna anche impegnarsi ;-) Cheers

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si la storia e piatta ed alcune cose non vanno ( però il villain è migliore secondo me rispetto al precedente) il significato generale e l'anima del racconto no si è perso .. e stata solo aggiornato alla tecnica e ai tempi...

      Elimina
  4. Io l'ho trovato così irritante che non ho finito di vederlo, ma non ho mai amato neanche il cartone animato. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. cavolo l'ho trovato piacevole solo io? :-)

      Elimina
    2. No, tranquillo, era piaciuto anche a me. Rispettoso dell'originale Disney senza essere smielato come l'orrido Maleficent né ridondante come Cenerentola. Speriamo che La bella e la bestia segua lo stesso spirito!

      Elimina
    3. su quello ho anche io ho buone sensazioni... speriamo bene ..

      Elimina
  5. Contrariamente ai miei colleghi, a me è piaciuto :) Tecnicamente è superbo, e i richiami al cartone sono stati apprezzatissimi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. dal punto di vista tecnico secondo me è oggettivamente bello poi sul resto si può anche capire la stizza di chi vuol vedere qualcosa di nuovo ... per me è ok cmq

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

condividi