domenica 5 febbraio 2017

Love recensione film


Love

Titolo originale: Love
Nazione: U.S.A.
Anno: 2015
Genere: Drammatico
Durata: 135'
Regia: Gaspar Noé
Sito ufficiale: 

Cast: Karl Glusman, Klara Kristin, Aomi Muyock
Produzione: Les Cinémas de la Zone, RT Features, Rectangle Productions, Wild Bunch
Distribuzione: 
Data di uscita: Cannes 2015


Ancora quel furbacchione di Gaspar Noè che cerca di stupirci con le sue manie sessuali e baratri psicologici imperscrutabili. Dalle opinioni lette e recensioni pensavo fosse un film noiosissimo con qualche scena di sesso integrale solo per sconvolgere critica e pubblico in modo da auto pubblicizzarsi, invece ci ho trovato molto più di quel che pensavo.

 La storia è un racconto semplice e chiaro dell’egoismo personale di un ragazzo e … forse anche della sua amata, infatti il titolo Love alla luce di tutto sembra alquanto ironico. La pellicola è gestita comunque con un ritmo soporifero ma secondo me calzante al tipo di tema e all’estetica, per tutto il film si avverte quasi un’atmosfera kubrickiana che spazia da “Eyes wide shut” a “2001 Odissea nello spazio”, infatti la pecca maggiore di Noè che ha sguinzagliato evidentemente molti detrattori è stata quella di essere troppo ambizioso cosa che comunque si era vista già in Enter the void. Il “sesso cinematografico integrale” è sono un pretesto per raccontare una storia dal punto di vista carnale quindi paradossalmente una narrazione che alla fine della fiera risulta più vera data la natura dell’argomento. Evidentemente data la tipologia di film dove gli attori sono impegnati in vere scene di sesso penso sia stato difficile per il regista cercarene all’altezza, infatti questo è un altro limite, se i due protagonisti principali a letto sono più che disinibiti sembrano un po’ più monodimensionali come espressività attoriale. Comunque la sceneggiatura, breve e semplice, per me non è stata un problema dato che mette a nudo l’intimità egoistica in maniera vivida, nemmeno i ritmi lenti dosati attraverso scene erotiche comunque mai volgari mi hanno annoiato, in sostanza è un buon film di cui forse se ne è parlato troppo, ma non della sua parte cinematografica. Il film potrebbe risultare meno erotico di quello che in realtà è però apprezzo quando un regista mette in discussione e cerca di spezzare la monotonia dei film generalisti, in questo caso romance, che nella maggior parte dei casi hanno meno intimità della suddetta pellicola.

P.S. morale importante: il sesso a tre non è sempre la giusta via per dare una svolta positiva ad una relazione …
voto 7.5

2 commenti:

  1. Mi dà fastidio questa pornografia gratuita, non sono sempre un fan di Noé, ma questo è un film che qualche anno fa mi ha davvero stremato. L'ho trovato bellissimo, molto vero. L'ho consigliato a tanti, ma non si va oltre l'apparenza: ossia, trombano come ricci, ma nel mentre si dicono cose importanti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. infatti io mi asoettavo un film "vampata", in realtà c'è molto dentro ...

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

condividi