giovedì 9 febbraio 2017

Summer camp recensione film

Summer camp recensione film

Summer Camp (2015)

Director:

 

Alberto Marini, fautore di sceneggiature come quella di  Mietras duermes e produttore di REC, per la prima volta prende in mano la macchina da presa ( e si vede) e mette in scena uno slasher a base zombesca ambientato nei boschi del nord della Spagna. 

Un gruppo di ragazzi americani, per la precisione due ragazzi( arrapati) e due ragazze( chiaramente “bone”), sono i responsabili di un campo scuola, la vicenda comincia il giorno prima dell’arrivo dei bambini quando uno strano morbo sembrerà impossessarsi dei protagonisti. Vicenda banalissima e costruita sui più classici binari del film horror americano a basso costo, infatti qui siamo lontani dai fasti spagnoli di qualche anno fa. L’unica peculiarità è un elemento relativo al “ciclo di vita” degli infetti, un espediente forse originale che non spiegherò dato che è l’unica cosa che ho trovato interessante e che però, nonostante tutto, non ne vale la visione. Come dicevo, oltre questa buona trovata, il film procede da slasher in casa e nei boschi, fotografia da serie tv e regia eccessivamente traballante ed ai minimi cinematografici. Gli attori, americani, non fanno altro che urlare e dire frasi banali. Buchi spazio-temporali pro jump scare, situazioni reiterate sfumate talvolta da qualche scena riuscita, make up ed effetti speciali ai minimi storici anche se devo dire che gli effetti sonori sono parecchio interessanti, le urla zombesche tipo “28 giorni dopo” sfastidiano parecchio. Marini cerca solo di soddisfare la clientela abituale del sottogenere, senza metterci il “sale”, recupera un po’ nel finale quasi grottesco ed ironico. Horrorino che si perde nella massa, evitabile anche se dura pochissimo.
voto 4

2 commenti:

  1. Recupererò, solo per stima verso Alberto Marini.
    Anni fa avevo recensito il romanzo di Bed Time, mi aveva lasciato un commento sul blog, e quindi sono un po' un fan, ahahahah!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hahah bene ... il romanzo non l'ho letto ma il film comunque scritto da lui mi è piaciuto molto ...

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

condividi