martedì 11 luglio 2017

Alien: Covenant recensione film

Alien: Covenant recensione film
Alien: Covenant

Titolo originale: Alien: Covenant
Conosciuto anche come: 
Nazione: U.S.A.
Anno: 2017
Genere: Fantascienza
Durata: 121'
Regia: Ridley Scott
Sito ufficiale: www.foxmovies.com/movies/alien-covenant

Cast: Michael Fassbender, Noomi Rapace, James Franco, Katherine Waterston, Guy Pearce, Callie Hernandez, Billy Crudup, Danny McBride, Carmen Ejogo, Demián Bichir, Amy Seimetz
Produzione: Twentieth Century Fox Film Corporation, Brandywine Productions, Scott Free Productions
Distribuzione: 20th Century Fox
Data di uscita: 11 Maggio 2017 (cinema)

In molti casi film sequel e reboot di una saga fuori tempo massimo sono spesso odiati ingiustamente non per i loro veri difetti ma per il fardello del nome che portano, tante volte vengono tacciati come liquame ma se messi a paragone di un qualunque filmetto che tratti il medesimo genere risultano sufficienti e non da ribrezzo, beh non è il caso di Alien Covenant …. 

Inutile parlare del plot che si riallaccia a Prometheus, un film che continuo a considerare buono, e fa ponte verso il primo Alien, sembra un po’ un mix sterile di tutto quel che abbiamo precedentemente visto, ed anche la famosa regia di Scott che sull’estetica non si discute non ha personalità anche a confronto degli Alien minori di Fincher e Jeunet . Non ho mai avuto lontanamente un senso di claustrofobia psicologica o semplicemente tensione per tutto il film complice una gestione poco ficcante da quel punto di vista e che ha voluto puntare più su trovate ai limiti del trash, del tutto fuori luogo per il tipo di film, che sul thrilling avvolgente. La storia dove i personaggi fanno una stronzata inutile dopo l’altra comunque aveva un minimo di potenziale per salvarsi in calcio d’angolo ma manda tutto alla bambagia con una tiritera finale telefonata e che, per quanto mi riguarda, non torna. Attori senza carattere a parte il Fassbender che giocoforza ha un ruolo chiave e storia blandissima, Scott ci ha regalato un vero e proprio buco nell’acqua, indeciso, frettoloso e superficiale.

P.s per non parlare dei mostroni che in CGI non fanno più un minimo di ribrezzo. Prima o poi le major dovranno risolverre questo problema, ormai è abbastanza palese.
voto 4.5

11 commenti:

  1. Ehm. Dovrei pure vederlo in questi giorni...
    Mi farò forza.

    RispondiElimina
  2. Ne ho scritto anche io dalle mie parti proprio oggi, quindi cinque alto! Doppio perché la pensiamo uguale, è un prequel fotocopia di Alien che non aggiunge nulla, come horror prende gli schiaffi e la CGI è pessima, inoltre è girato sotto gli standard canonici di Ridley, che ormai è definitivamente Scott(o). Cheers!

    RispondiElimina
  3. Prossimo recupero anche per me... che peccato!
    Mi annovero tra i pochi che hanno apprezzato Prometheus e, con rinnovato entusiasmo verso l'intera saga, le aspettative su Covenant all'uscita erano altissime..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche a me Prometheus è piaciucchiato infatti per me Covenant è stata una grossa delusione ...

      Elimina
  4. Questo è uno di quei film che devo vedere ma non mi decido mai a farlo. Forse per paura di ritrovarmi con un'opinione simile alla tua...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se li hai visti tutti ... chiudi il cerchio ... e soffri anche te ... .-)

      Elimina
  5. A me tutto sommato non è dispiaciuto...
    Sia in Prometheus che qui qualche buona idea c'è ma sono un po' collegate a forza, a sputo, poi insomma costruire un altro androide con la stessa faccia di Fassbender è una forzatura di sceneggiatura che porta ad un (evitabile) colpo di scena...Scott ha iniziato una trilogia o quadrilogia che chissà dove lo porterà (e noi dove andremo?)....
    Concludendo Prometheus voto 4-5 (rivedendolo dopo Covenant si può dargli un 6 ma li nel primo tempo i personaggi facevano stupidaggini senza senso), questo senza il colpo di scena era anche da 7....però trovo anche difficile dare un voto a questo Covenant, proprio perché sembra che da alcune scene Scott abbia lasciato alcuni buchi di sceneggiatura apposta....
    Buona serata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. guarda a me Prometheus mi era piaciuto, ero rimasto colpito dall'estetica ma effettivamente non funziona tutto in quel film, qui c'è un problema di stanchezza della sga evidente.
      Al fatto che i buchi siano messi a posta non ci avevo pensato, ma in questo caso non saprei dirti se scott a questo punto sia un genio o un fesso :-)

      Elimina
    2. Si infatti in Prometheus quello che si salva essenzialmente è l'estetica....

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

condividi