domenica 16 luglio 2017

La ragazza che sapeva troppo film recensione

La ragazza che sapeva troppo film recensione

La ragazza che sapeva troppo (2016)

Director:

 

Writers:

  (novel),  (screenplay)

Meglio di The Walking Dead peggio di 28 Giorni dopo e compagnia bella, anche la produzione sembra assestarsi tra i due prodotti, tra televisione e cinema. La storia è tipica zombesca, siamo catapultati in una situazione post apocalittica in Gran Bretagna, in una base militare vengono studiati un gruppo di bambini che all’apparenza sembrano normalissimi ma che nascondono delle reazioni istintive diverse dal normale. 

La regia, niente di più di una buona produzione televisiva inglese, si prende la briga di portarci in luoghi già visti e in cose già fatte( in serie tv, film e anche videogiochi) però utilizzando buoni attori e cercando di istillare un lieve sottotesto social evoluzionistico, che funziona di concetto ma cannato in parte nel finale. Atmosfere alla Monsters di Gareth Edwards e ai film già citati sopra, alcune situazioni sono state girate direttamente a Pryp'jat' , una città fantasma situata a nord dell'Ucraina connessa a Chernobyl dimostrando comunque una certa cura realizzativa. Lo Zombie movie forse ha già detto tutto e risulta veramente difficile trovare qualcosa che mi catturi ancora l’attenzione ma, comunque, "La Ragazza che sapeva Troppo" è un prodotto abbastanza dignitoso nell’odierno panorama del suo sottogenere di riferimento.
voto 5.5

1 commento:

  1. Il finale mi ha piacevolmente colpito. Amarissimo, pessimista, ma ci credo. Non puoi cambiare la tua natura.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

condividi