lunedì 21 agosto 2017

White Bird in a Blizzard recensione film

White Bird in a Blizzard recensione film
White Bird in a Blizzard

Titolo originale: White Bird in a Blizzard
Nazione: U.S.A., Francia
Anno: 2014
Genere: Drammatico, Thriller
Durata: 91'
Regia: Gregg Araki
Sito ufficiale: www.whitebirdinablizzardfilm.com

Cast: Shailene Woodley, Eva Green, Christopher Meloni, Shiloh Fernandez, Gabourey Sidibe, Thomas Jane, Angela Bassett, Dale Dickey, Mark Indelicato, Sheryl Lee
Produzione: Desperate Pictures, Orange Studio, Why Not Productions, Wild Bunch
Distribuzione: 
Data di uscita: 2015 (cinema)

Devo dire che l’ultimo film di Araki mi ha lasciato abbastanza perplesso. Il tema trattato è l’assenza, o meglio, la scomparsa. Dopo un avvio di stampo teen quasi grottesco con una buona tenuta si procede verso un thrilling quasi Hitchcockiano per poi scadere in una fase finale a mio modo di vedere abbastanza pasticciata, per quanto riguarda il finale non so se il problema sia il materiale di partenza o lo stesso film che non è riuscito a giustificare un plot twist inutile ed abbastanza evitabile.

 Quello che sorregge tutto il film sono le interpretazioni, da Eva Green imbellettata come fosse una casalinga degli anni 50’ ( ma siamo negli anni 80’) prigioniera di un matrimonio di facciata e la Woodley sorniona, ribelle e focosa, le scene di tensione sessuale forse sono quelle migliori del film. Regia non particolarmente curata e scelta cromatica accesa, poco gusto per quanto riguarda la CGI ( ma viene usata pochissimo), la messa in scena funziona per più di metà film concentrandosi su una figlia che di punto in bianco vede sua madre volatilizzarsi ma poi perde pian piano di appeal quando tutto si fa “crime” trasformandosi al culmine in maniera abbastanza superficiale. 

Eva Green forse troppo sopra le righe ma è sempre un piacere vederla recitare, anche in un film gestito male e drammaticamente un po’ piatto.
voto 5

4 commenti:

  1. Avevo grosse aspettative, perché oltre alla Green anche la Woodley è una ottima attrice, invece mi sono annoiato tantissimo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. quello che mi ha dato ai nervi è il plot twist fuori luogo finale ... ma anche il film è molto sottotono ...

      Elimina
  2. Alla fine dei conti questo è proprio un filmetto, sei stato anche generoso.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

condividi