sabato 18 novembre 2017

The square film recensione

The square film recensione
The Square

Titolo originale: The Square
Conosciuto anche come: 
Nazione: Svezia, Danimarca, U.S.A., Francia
Anno: 2017
Genere: Drammatico
Durata: 145'
Regia: Ruben Östlund
Sito ufficiale: www.curzonartificialeye.com/the-square

Cast: Claes Bang, Elisabeth Moss, Dominic West, Terry Notary, Christopher Læssø, Marina Schiptjenko, Linda Anborg, Emelie Beckius, Denise Wessman, Jan Lindwall, John Nordling
Produzione: Plattform Produktion, ARTE France Cinéma, Coproduction Office, Det Danske Filminstitut
Distribuzione: Teodora Film
Data di uscita: Cannes 2017 - Compétition
09 Novembre 2017 (cinema)


Vi fidate degli sconosciuti? Il politically correct è un bene o un male? Ostlund, regista svedese già algidamente perspicace e smaccatamente satirico con la sua penultima opera Forza Maggiore torna a mettere zizzania con la sua freddezza e calma scandinava. 

Attingendo un po’ dal maestro Roy Andersson ma ristrutturando un po’ la narrazione a passo lento, rivolto ad un grande pubblico ci regala un film densissimo, pieno di contenuti e di interrogativi sociali e di tipo umano anche divertendo alla stesso tempo. 

The square è un quadrato, all’interno del guadrato si ha fiducia ma bisogna scendere a patti con le convenzioni sociali, con il politically correct, con la “svedesità” per farla breve ( anche se loro il biscotto ce lo hanno servito qualche annetto fa agli Europei di calcio). Il regista riesce attraverso scene al limite del surreale a creare una storia che si muove su più piani anche se abbastanza semplice e che tocca in maniera parallela argomentazioni sul modo di intendere l’arte ed il modo di intendere la società, cose che se ci si pensa potrebbero andare a braccetto tranquillamente.

 Insomma un film premiato a Cannes dotato di una regia clinica, sprint surreali, scene memorabili e significative ( vedi “l’uomo orango”), più di due ore che non si sentono e che divertono stimolando il cervello, che volete di più?
voto 8

4 commenti:

  1. Voglio vederlo presto, ma confesso che ha una patina intellettualoide che mi repelle un po'. Nell'attesa, recupero l'altro del regista.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è meno intelletualoide di quanto potrebbe essere una palama d'oro :-)

      Elimina
  2. Leggo pareri molto discordanti su questo "The Square". La mia curiosità rimane comunque decisamente alta. Ti dirò!
    Un saluto,
    Fede.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. se ti capita guardalo, almeno per completezza dato che ha vinto la palma d'oro .-)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

condividi